email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

POPOLI 2021 Premi

Dal pianeta degli umani eletto miglior lungometraggio al 62° Festival dei Popoli

di 

- Il film di Giovanni Cioni coprodotto da Italia, Belgio e Francia si aggiudica il premio di 8.000 euro. L’età dell’innocenza di Enrico Maisto vince il Concorso italiano

Dal pianeta degli umani eletto miglior lungometraggio al 62° Festival dei Popoli
Il regista Giovanni Cioni durante la presentazione del suo film Dal pianeta degli umani al festival (© Lorenzo Risani/Festival dei Popoli)

Dal pianeta degli umani [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Giovanni Cioni
scheda film
]
del regista toscano Giovanni Cioni, una coproduzione Italia/Belgio/Francia, è stato proclamato Miglior Lungometraggio del Concorso Internazionale alla 62ma edizione del Festival dei Popoli, il festival del documentario di Firenze che quest’anno si è svolto dal 20 al 28 novembre. Il film, che incontra storie di frontiera – quella di Ventimiglia tra Italia e Francia, dove ha vissuto il dimenticato dottor Voronoff, chirurgo che affermava di aver scoperto l'elisir di lunga vita negli anni ‘20, e dove oggi i migranti, in cerca di rifugio, rischiano la vita per superare il confine – è stato eletto vincitore dalla giuria internazionale composta da Kieron Corless (Regno Unito), Anita Piotrowska (Polonia) e Luciano Barisone (Italia), aggiudicandosi il premio di 8.000 euro. “Questo film – si legge nella motivazione – esplora con grande urgenza e sensibilità poetica intensa, uno dei temi più importanti della nostra epoca, l'idea del confine. Inizia in un luogo reale che acquista via via connotazioni simboliche, e la cui storia particolare rivela una situazione universale attraverso una sorprendente struttura narrativa”. Dal pianeta degli umani si aggiudica anche il Premio distribuzione “Tënk” (1.500 euro), assegnato dalla piattaforma SVOD dedicata al cinema documentario indipendente in Europa.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il premio al Miglior Documentario Italiano (3.000 euro), assegnato dalla giuria composta da Irene Dionisio, Jérémie Jorrand, Giovanni Marchini Camia, è andato a L’età dell’innocenza di Enrico Maisto “per un invito coraggioso nella sua intimità, per la celebrazione della complessità dell’amore e per la consapevolezza con cui ha elevato il formato home-movies in materiale universale”. La giuria del concorso italiano ha inoltre assegnato una menzione speciale a Il momento di passaggio di Chiara Marotta “per un utilizzo della camera come dispositivo diretto di liberazione spirituale, per un confronto duro – e al contempo pieno di laica grazia – con il proprio vissuto familiare”. Nella lista dei premi, si segnalano inoltre la Targa Gian Paolo Paoli al miglior film antropologico attribuita ad Aya [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Simon Coulibaly Gillard
scheda film
]
di Simon Coulibaly Gillard e il Premio MyMovies.it dalla parte del Pubblico, votato dagli spettatori in sala, assegnato a As I Want [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Samaher Alqadi.

“Vedere le sale piene, incontrare finalmente autori e autrici, produttori e distributori, confrontarsi con i professionisti del settore e i giovanissimi talenti emergenti del Doc at Work-Future Campus è stata un’emozione immensa e fonte di grande soddisfazione – ha commentato Alessandro Stellino, direttore artistico del festival – Rendere il Festival dei Popoli il punto di riferimento per tutti coloro che si occupano di cinema documentario in Italia e oltre non solo era uno dei nostri obiettivi ma rimane uno dei nostri principali traguardi. Abbiamo posto le basi per una grande trasformazione e non possiamo che essere soddisfatti per com’è andata quest’edizione, concepita su un’idea coraggiosa di apertura ai nuovi linguaggi, rilancio e scommessa sul futuro”.

Tutti i premi:

Premio al Miglior Lungometraggio del Concorso Internazionale
Dal pianeta degli umani [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Giovanni Cioni
scheda film
]
- Giovanni Cioni (Italia/Belgio/Francia)
Menzione speciale
Metok - Martín Solá (Italia/Argentina/Tibet)

Premio per il Miglior Mediometraggio
First Time - Nicolaas Schmidt (Germania)

Premio per il Miglior Cortometraggio
My Uncle Tudor - Olga Lucovnicova (Belgio/Portogallo/Ungheria/Moldavia)

Premio al Miglior Documentario Italiano
L’età dell’innocenza - Enrico Maisto (Italia/Svizzera)
Menzione speciale
Il momento di passaggio - Chiara Marotta (Italia)

Targa Gian Paolo Paoli al miglior film antropologico
Aya [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Simon Coulibaly Gillard
scheda film
]
- Simon Coulibaly Gillard (Belgio/Francia)

Premio distribuzione CG Entertainment
Tardo Agosto - Federico Cammarata, Filippo Foscarini (Italia)

Premio distribuzione on demand CG Digital per il Miglior Film Europeo
Oltre Le Rive - Riccardo De Cal (Italia)

Premio “Gli Imperdibili” del Concorso Italiano
Los Zuluagas - Flavia Montini (Italia)

Premio distribuzione in sala “Il Cinemino” del Concorso Italiano
L’età dell’innocenza - Enrico Maisto

Premio distribuzione “Tënk” del concorso italiano
Dal pianeta degli umani - Giovanni Cioni

Premio MyMovies.it dalla parte del Pubblico
As I Want [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
- Samaher Alqadi (Egitto/Norvegia/Francia/Palestina/Germania)

Premio SudTitles – “Il cinema per tutti” 2021
Portuali - Perla Sardella (Italia)

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy