Scegli la lingua en | es | fr | it

Recensione: Indigènes

email print share on facebook share on twitter share on google+

Eroi senza gloria

di 

- Un film epico premiato a Cannes che svela un periodo poco noto della Seconda Guerra Mondiale, quella della partecipazione della fanteria nordafricana alla liberazione di Francia e Italia

Recensione: Indigènes

Nel maggio scorso, quando gli attori di Indigènes [+leggi anche:
trailer
film focus
intervista: Jean Bréhat
intervista: Rachid Bouchareb
scheda film
]
, laureati con un premio collettivo per l’interpretazione al Festival de Cannes hanno intonato, sul palco del Grand Théâtre Lumière e sotto gli occhi delle telecamere "C'est nous les Africains", l’inno dei soldati delle colonie francesi, il regista Rachid Bouchareb ha avuto delle buone ragioni per ritenersi fiero delle sue truppe vittoriose, per quella che non è solo un’avventura cinematografica, ma che contiene anche echi politici e sociali. Esploratore implacabile del confronto fra comunità nei suoi precedenti quattro lungometraggi (fra i quali Cheb, presentato in una sezione parallela a Cannes nel 1991, e premiato a Locarno, Poussières de vie nomination all’Oscar come Miglior Film Straniero nel 1996 e Little Senegal in concorso alla Berlinale 2001), con Indigènes il regista franco-algerino ci porta dentro un evento storico ampiamente ignorato, quello della partecipazione attiva dei tirailleurs nordafricani alla Liberazione dal nazi-fascismo di Francia e Italia, tra il 1944 ed il 1945. Il risultato è un film epico di guerra, con un quintetto di attori eccellenti (Jamel Debbouze, Roschdy Zem, Sami Bouajila, Samy Nacéri e Bernard Blancan) designato come candidato algerino (grazia alla sua doppia nazionalità francese e algerina) alle nomination 2007 per l’Oscar al Miglior Film Straniero.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Riuniti nel 1943 dal conflitto mondiale che viene a cercare volontari sin nelle zone più remote, Saïd, analfabeta (Jamel Debbouze); Messaoud, sentimentale tiratore scelto (Roschdy Zem); Abdelkader, ambizioso caporale amante della giustizia (Sami Bouajila); e Yacir, selvaggio predone diventato soldato (Samy Nacéri) vengono addestrati dal sergente Martinez (Bernard Blancan). Passato il Mediterraneo, si ritrovano l’anno successivo in Italia a Monte Cassino. Seguirà la festosa liberazione di Marsiglia, nell’agosto 1944, prima di essere mandati nella Valle del Rodano, sui Vosgi innevati e in Alsazia. Un percorso disseminato di morte e di istanti d’intimità della vita militare, che porterà gradualmente i personaggi a realizzare che neanche l’uniforme riesce a nascondere la disuguaglianza razziale ("gli arabi non sono fatti per comandare"), un grido ben diverso dallo slogan francese "Libertà, Uguaglianza e Fraternità ".

Storia di uomini e film d’azione melodrammatico, il lungometraggio di Rachid Bouchareb segue la tradizione del cinema classico, che combina con successo l’accuratezza storica e momenti di fiction di forte intensità. Un film, che raggiunge il suo vertice nell’ultima mezz’ora, si rivela un omaggio a misconosciuti eroi, che hanno contribuito a offrire una luce nuova all’animato dibattito attuale sui temi dell’immigrazione e dell’integrazione nella società francese. Un approccio che ricorda quello di Glory dell’americano Edward Zwick, somiglianza che non è sfuggita alla Weinstein Company, che distribuirà Indigènes insieme a IFC Films nel continente nordamericano.

Indigènes, co-produzione franco-marocchina-algerina-belga guidata dalla compagnia francese Tessalit Productions (creata e diretta dal regista, Jean Bréhat e Bouchareb), fa salire al suo regista di un altro gradino nella scala della notorietà. Un’attenzione ampiamente meritata, che dovrebbe aiutare i suoi prossimi progetti, un film su Bob Marley e il sequel di Indigènes con gli stessi attori, che saranno questa volta nelle guerre d’Indocina e d’Algeria (cfr. la news). Senza dimenticare il lavoro di produttore con la sua società 3B Productions, regolare produttrice di cineasti artisticamente intransigenti come Bruno Dumont.

(Tradotto dal francese)

photogallery

titolo internazionale: Days of Glory
titolo originale: Indigènes
paese: Francia, Marocco, Algeria, Belgio
rivenditore estero: Playtime
anno: 2006
regia: Rachid Bouchareb
sceneggiatura: Rachid Bouchareb, Olivier Lorelle
cast: Jamel Debbouze, Samy Naceri, Sami Bouajila, Roschdy Zem

premi/partecipazioni principali

Oscar 2007 Nomination: Miglior Film in Lingua Straniera
César 2007 Migliore sceneggiatura originale
EFA 2006 selezione
Cannes 2006 In Concorso
Miglior Interpretazione Maschile (cast)
Premio François Chalais
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

ArteKino

Newsletter

Les Arcs call
Unwanted_Square_Cineuropa_01