Scegli la lingua en | es | fr | it

Recensione: Killer in viaggio

email print share on facebook share on twitter share on google+

Piccola guida al turismo criminale

di 

- Il terzo film del britannico Ben Wheatley è un trionfo di umorismo nero, crudele e violento, ma la sua assurdità lo rende un'opera particolare e rigenerante nel panorama audiovisivo europeo.

Recensione: Killer in viaggio

Il pubblico della Quinzaine des réalisateurs del 65mo Festival di Cannes ha riservato un'accoglienza trionfale al regista britannico Ben Wheatley, che vi ha presentato il suo terzo lungometraggio, l'atipico e caustico Killer in viaggio [+leggi anche:
trailer
film focus
intervista: Ben Wheatley
scheda film
]
(Sightseers), un gioiello noir che lo conferma come regista cult. Il suo film precedente, Kill List [+leggi anche:
trailer
intervista: Ben Wheatley
scheda film
]
, era un thriller che si allontanava da Down Terrace [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, la sua prima commedia noir, cui invece si raccorda questa sua nuova opera, perversa e divertente allo stesso tempo.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Tina (Alice Lowe) e Chris (Steve Oram) sono una coppia in vacanza, il cui viaggio in roulotte nel Nord dell'Inghilterra volge al bagno di sangue psicotico. Tina ha bisogno di aria per sfuggire al giogo materno e Chris non è da meno quando si tratta di far esplodere la rabbia, che decide di incanalare contro la società britannica benpensante. Chris è un serial killer che non ama mettersi in discussione e la sua compagna è perfettamente in sintonia con questa sua piccola devianza, che condivide. Un crimine dopo l'altro trascina la coppia in un vortice di violenza e di crudeltà apatica, nell'oblio di ogni emozione e morale, fino a dare fuoco alla roulotte e lasciarla precipitare in una gola rocciosa.

Immorale, Sightseers non è per questo meno divertente, con la sua coppia di attori al servizio della sceneggiatura e dell'interpretazione. Alice Lowe e Steve Oram sono già noti sulla scena in un registro simile e si misurano con il grande schermo con naturalezza, senza perdere in cattiveria. Il loro credo è la propria felicità, anche a costo di essere ingiusti verso gli altri. Non è un loro problema, e attraverso di loro, Ben Wheatley ci chiede se alla fine il problema sia nostro.

La solida messa in scena ci fa visitare lo Yorkshire insieme a questi "turisti in serie" dai risvolti comici e oltraggiosi. Sono come giocattoli a molla che all'improvviso saltano fuori da un'inquadratura per compiere le peggiori azioni, solo per il nostro piacere colpevole, che ci rimanda alla nostra crudeltà nascosta.

Sono brutti e indesiderabili, violenti e ingiusti, e prendono delle decisioni del tutto smisurate e assurde per affrontare il quotidiano. Il che rende quest'ultimo più colorato, paradossalmente più gioioso e sicuramente meno noioso.

(Tradotto dal francese)

photogallery

titolo internazionale: Sightseers
titolo originale: Sightseers
paese: Regno Unito
rivenditore estero: Protagonist Pictures
anno: 2012
regia: Ben Wheatley
sceneggiatura: Steve Oram, Alice Lowe
cast: Alice Lowe, Steve Oram

premi/partecipazioni principali

Cannes Film Festival 2012 Quinzaine des Réalisateurs
Locarno Film Festival 2012 Piazza Grande
Berlin Fantasy Filmfest 2012 
Rio de Janeiro International Film Festival 2012 
Dinard Festival of British Cinema 2012 
Leeds International Film Festival 2012 
Sarlat Film Festival 2012 
Mar del Plata Film Festival 2012 
International Film Festival Rotterdam 2013 
Portland International Film Festival 2013 
CPH PIX 2013 
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

ArteKino

Newsletter

Les Arcs call
Unwanted_Square_Cineuropa_01