Scegli la lingua en | es | fr | it

Recensione

email print share on facebook share on twitter share on google+

On the Other Side: una complessa storia di perdono

di 

- BERLINO 2016: Il film del regista croato Zrinko Ogresta, presentato in anteprima mondiale nella sezione Panorama, è una storia costruita con cura e narrata perfettamente sul pentimento e il perdono

Recensione

Il settimo film del regista croato Zrinko Ogresta On the Other Side [+leggi anche:
trailer
film focus
intervista: Zrinko Ogresta
scheda film
]
, presentato in anteprima mondiale nella sezione Panorama alla Berlinale, è una storia costruita con cura e narrata perfettamente sul pentimento e il perdono, ma che offre una gamma molto più ampia di idee.

Vesna (Ksenija Marinković, vista di recente in A Good Wife [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
) è un'infermiera a domicilio di mezza età di Zagabria. Sua figlia Jadranka (Tihana Lazović, di Sole Alto [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Dalibor Matanic
scheda film
]
) si è laureata in legge e sta per sposarsi con Bozo (l'esordiente Toni Sestan), "un inetto", secondo suo fratello Vlado (Robert Budak, di Zagreb Capuccino), che è sposato e ha un figlio piccolo, e un'amante incinta. All'inizio del film, Vesna riceve una chiamata misteriosa a lavoro. Presto scopriamo che è suo marito Žarko (l'attore e co-produttore serbo del film Lazar Ristovski, visto di recente in Padre Vostro [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Vinko Bresan
scheda film
]
), che era capitano dell'Esercito Nazionale di Jugoslavia quando iniziò la guerra in Croazia, e decise di stare "dall'altra parte". Era finito a L'Aia, ed è stato appena rilasciato. I due non si parlano da vent'anni, e Vesna resta inizialmente interdetta dalla sua chiamata e si rifiuta di parlare. Ma lui la richiama, chiedendo dei figli, e dicendo a Vesna di voler vedere tutta la famiglia. È inoltre qui che vediamo per la prima volta il personaggio che passa la maggior parte del tempo fuori dallo schermo. Vesna dice ai suoi figli che il padre ha chiamato, e mentre Jadranka cerca di mostrare una certa comprensione, Vlado è fermamente convinto che Zarko dovrebbe essersi già suicidato. Non c'è da stupirsi, poiché questo è ciò che suo fratello gemello Zoran ha fatto in un momento imprecisato del passato. Sebbene Vesna non si lasci persuadere dalle suppliche di Žarko di inviargli almeno delle foto di se stessa e dei figli, la storia dolorosa attecchisce sulla famiglia. Poiché Jadranka non riesce a trovare lavoro, Vesna chiede aiuto a Vuletić (Alan Liverić, di Number 55 [+leggi anche:
trailer
film focus
scheda film
]
), un pezzo grosso nel dipartimento di giustizia e figlio di uno dei suoi pazienti. Lui la aiuta volentieri, ma questo lavoro richiede controlli di sicurezza... e il nome del padre della ragazza non è certamente una raccomandazione per il ministero croato. Ma Vesna continua a parlare a Zarko, e intraprende un nuovo rapporto con lui, a dispetto di quanto si era ripromessa...

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)Cine Iberoamericano Int

Ogresta è sempre stato un regista sia visivamente creativo che scrupoloso (come nei suoi film più noti Here e Behind the Glass [+leggi anche:
recensione
film focus
intervista: Ivan Maloca
intervista: Zrinko Ogresta
scheda film
]
), ma il livello di attenzione dato ai personaggi e alla narrazione di questo film, insieme al co-sceneggiatore e compositore Mate Matišić, è rara non solo per il cinema balcanico. Se non fosse per l'argomento, sarebbe potuto essere facilmente un dramma scandinavo.

La più impressionante del cast è certamente la Marinković. La storia appartiene al suo personaggio, e l'ha costruito in carne e ossa. Nel frattempo, Ristovski, che in realtà compare per una decina di minuti in totale, ha un compito del tutto diverso, ma entrare nel dettaglio sarebbe un grosso spoiler. Anche le parti più piccole sono affidate ad attori fantastici, ad esempio, il veterano Mate Gulin (A Letter to My Father [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Damir Cucic
scheda film
]
), nei panni del padre di Vuletić. La Lazović è già una star grazie a Sole Alto, e Budak e Šestan sono degli emergenti da tenere d'occhio.

La regia di Ogresta è precisa ma dinamica, e spesso pone ostacoli quali porte e finestre tra la macchina da presa e i personaggi, al fine di ricreare la sensazione di assistere a un evento piuttosto che di guardare un film, la cui fotografia è magistralmente curata da Branko Linta. Nel film intitolato On the Other Side, quest'approccio non solo ne migliora la forma, ma anche la sostanza stessa.

Co-prodotto dalla croata Interfilm e dall'emittente nazionale HRT, e dalla serba Zillion Film, On the Other Side è venduto all'estero da Cercamon.

(Tradotto dall'inglese)

photogallery

titolo internazionale: On the Other Side
titolo originale: S one straane
paese: Croazia, Serbia
anno: 2016
regia: Zrinko Ogresta
sceneggiatura: Zrinko Ogresta, Mate Matišić
cast: Lazar Ristovski, Tihana Lazović, Ksenija Marinković

premi/partecipazioni principali

Berlinale 2016
Panorama
La Rochelle International Film Festival 2016 
Warsaw Film Festival 2016 
CinEast film festival 2016 
Arras Film Festival 206 
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

Newsletter

Seneca's Day Lithuania
Home Sweet Home