Scegli la lingua en | es | fr | it

Intervista: Michal Kwiecinski • Produttore

email print share on facebook share on twitter share on google+

"Un lavoro veramente creativo"

di 

- Soggetto difficile, riprese in digitale 4K e successo nazionale nelle sale: il produttore di Akson Studio, fedele partner di Wajda, parla di Katyn

Intervista: Michal Kwiecinski • Produttore

Produttore dal 1992 all'Akson Studio, che ha finanziato le opere più recenti di Andrzej Wajda, Michal Kwiecinski è anche regista di cinema e di opere teatrali per la televisione. Racconta a Cineuropa lo svolgimento della produzione di Katyn

Cineuropa: Quando Katyn era un progetto, si diceva che per Wajda sarebbe stato "il film della vita". Non ha avuto paura di questa sfida?
Michal Kwiecinski: Non è la prima volta che lavoro con Andrzej Wajda. E' la quinta opera che facciamo insieme, collaboriamo da 10 anni ed è sempre stato un lavoro molto creativo. Il caso di Katyn non è diverso. Fin dall'inizio ero convinto che insieme ce l'avremmo fatta a portare a termine questo compito difficile.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Qual è il segreto della sua collaborazione con Wajda?
Andrzej Wajda è un regista molto creativo, carismatico ed esperto. Sa, come nessun altro, trarre il meglio dalla sua squadra. Questo è molto importante perché un film è il frutto del lavoro di un numero incalcolabile di persone. Andrzej Wajda è aperto, ascolta i pareri dei suoi collaboratori. E' per questo che fa grandi film.

Il dramma di Katyn la toccava personalmente.
La questione di Katyn è stata onnipresente nella mia famiglia. Mia madre era la moglie del procuratore generale che fu ucciso a Katyn. Abbiamo vissuto tanti anni sperando che le prove di questo crimine fossero trovate e svelate...

Katyn è un'enorme opera epica dotata di un budget considerevole, con centinaia di figuranti. Qual è stata la maggiore difficoltà nel realizzarla?
Ci preoccupavamo di riuscire a presentare la storia nel modo in cui le famiglie toccate dalla tragedia se l'aspettavano. Ci chiedevamo se le famiglie avrebbero accettato la visione di Andrzej Wajda e se questa visione avrebbe lasciato ferite nella memoria. Le reazioni del pubblico, i visi emozionati e concentrati, un silenzio straordinario e maestoso dopo le proiezioni, i pianti silenziosi: tutto questo mi conferma che abbiamo fatto bene.

Perché girare il film in digitale 4K?
Katyn è il primo film girato in digitale 4K, non solo in Polonia ma anche in Europa. Grazie a questa tecnologia, i colori sono più intensi e i grigi eliminati, il che dà una colorazione naturale, più ricca e una maggiore profondità all'immagine. Il 4K permette di ottenere, in post produzione, una risoluzione quattro volte maggiore del 2K. Offre inoltre la possibilità di correggere i minimi dettagli dell'immagine senza che lo spettatore se ne renda conto.

E' soddisfatto del numero di biglietti staccati per Katyn (al momento oltre 2,7 milioni di spettatori)?
Katyn è ben piazzato al box office 2007, occupa l'ottavo posto nella storia della distribuzione di film in Polonia dal 1989 e il quarto posto tra i lungometraggi polacchi. Ha superato Harry Potter e Il signore degli anelli, e non è ancora finita visto che è ancora nelle sale.

photogallery

premi/partecipazioni principali

European Film Awards 2008 European Film Academy Prix d'Excellence
Berlinale 2008 In Concorso
Orły - Polish Film Awards 2008 Migliore Attrice non Protagonista (Danuta Stenka)
Migliore Fotografia
Migliore Musica
Miglior Suono
Migliore Scenografia
Migliori Costumi
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

ArteKino

Newsletter

Unwanted_Square_Cineuropa_01