The Nile Hilton Incident (2017)
The Party (2017)
Que Dios nos perdone (2016)
L'altro volto della speranza (2017)
Verano 1993 (2017)
Tom of Finland (2017)
Barrage (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

FORMAZIONE/PRODUZIONE Italia

email print share on facebook share on twitter share on google+

I vincitori del TorinoFilmLab 2011

di 

I vincitori del TorinoFilmLab 2011

Con un Production Award di 80 mila euro, un Audience Award di 30 mila euro e il nuovo Post-Production Award (1000 euro) per la sua produttrice Marta Donzelli (Vivo Film), il film italo-libanese Beirut, I love you di Gigi Roccati e Zena el Khalil (foto) è stato il trionfatore del TorinoFilmLab 2011, la cui cerimonia di premiazione si è svolta lunedì 28 novembre. Una storia di resistenza e di amicizia tra due donne che attraversano i conflitti odierni, dalla guerra in Libano all'11 settembre, che sarà girata tra Beirut e New York.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Gli altri quattro premi di produzione (per un totale di 520 mila euro) sono andati al rumeno Touch me not di Adina Pintilie (150 mila euro), Underground Fragrance [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Pengfei
scheda film
]
di Pengfei Song (Francia/Taiwan/Cina - 140 mila), Mr. Kaplan di Alvaro Brechner (Uruguay - 100 mila; il film ha ricevuto anche un Audience Award ex aequo di 30 mila euro) e Los Hongos di Oscar Ruiz Navia (Colombia/Francia/Messico - 50 mila).

A spiccare tra i progetti di Script&Pitch è stato invece l'olandese-belga Everything We Always Had Was Now di Martijn Maria Smits, ritratto dei primi quattro anni di matrimonio di una giovane coppia, che oltre a vincere un Development Award che gli permetterà di proseguire il suo percorso nel Lab, si è aggiudicato il nuovo ARTE International Relations Award (6 mila euro). Gli altri 5 progetti vincitori di un Development Award sono: lo svizzero War di Simon Jaquemet, il francese Le Vent des ombres di Christelle Lheureux, il britannico Beast di Michael Pearce, e poi Rey di Niles Atallah (Cile/Stati Uniti) e Tikkun di Avishai Sivan (Israele).

"Un'edizione straordinaria, forse la migliore", ha commentato la direttrice del TFL, Savina Neirotti, anticipando una novità per il prossimo anno: "Stiamo lavorando a un nuovo progetto sull'adattamento cinematografico dei libri, si chiamerà Adapt Lab e si aggiungerà ai quattro percorsi già esistenti. Per il budget, manca solo la conferma".

Gijon_Home
Odessa site
Film Business Course
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss