Incierta gloria (2017)
Sage Femme (2017)
Fiore (2016)
The Fixer (2016)
Brimstone (2016)
Home (2016)
The Other Side of Hope (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

FORMAZIONE/PRODUZIONE Italia

email print share on facebook share on twitter share on google+

I vincitori del TorinoFilmLab 2011

di 

I vincitori del TorinoFilmLab 2011

Con un Production Award di 80 mila euro, un Audience Award di 30 mila euro e il nuovo Post-Production Award (1000 euro) per la sua produttrice Marta Donzelli (Vivo Film), il film italo-libanese Beirut, I love you di Gigi Roccati e Zena el Khalil (foto) è stato il trionfatore del TorinoFilmLab 2011, la cui cerimonia di premiazione si è svolta lunedì 28 novembre. Una storia di resistenza e di amicizia tra due donne che attraversano i conflitti odierni, dalla guerra in Libano all'11 settembre, che sarà girata tra Beirut e New York.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Gli altri quattro premi di produzione (per un totale di 520 mila euro) sono andati al rumeno Touch me not di Adina Pintilie (150 mila euro), Underground Fragrance [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Pengfei
scheda film
]
di Pengfei Song (Francia/Taiwan/Cina - 140 mila), Mr. Kaplan di Alvaro Brechner (Uruguay - 100 mila; il film ha ricevuto anche un Audience Award ex aequo di 30 mila euro) e Los Hongos di Oscar Ruiz Navia (Colombia/Francia/Messico - 50 mila).

A spiccare tra i progetti di Script&Pitch è stato invece l'olandese-belga Everything We Always Had Was Now di Martijn Maria Smits, ritratto dei primi quattro anni di matrimonio di una giovane coppia, che oltre a vincere un Development Award che gli permetterà di proseguire il suo percorso nel Lab, si è aggiudicato il nuovo ARTE International Relations Award (6 mila euro). Gli altri 5 progetti vincitori di un Development Award sono: lo svizzero War di Simon Jaquemet, il francese Le Vent des ombres di Christelle Lheureux, il britannico Beast di Michael Pearce, e poi Rey di Niles Atallah (Cile/Stati Uniti) e Tikkun di Avishai Sivan (Israele).

"Un'edizione straordinaria, forse la migliore", ha commentato la direttrice del TFL, Savina Neirotti, anticipando una novità per il prossimo anno: "Stiamo lavorando a un nuovo progetto sull'adattamento cinematografico dei libri, si chiamerà Adapt Lab e si aggiungerà ai quattro percorsi già esistenti. Per il budget, manca solo la conferma".

CASI HECHO Home
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

Doc Spring