Quello che so di lei (2017)
Bigfoot Junior (2017)
The Party (2017)
Western (2017)
Que Dios nos perdone (2016)
L'altro volto della speranza (2017)
Out (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

BERGAMO 2015

email print share on facebook share on twitter share on google+

Why Can't I Be Tarkovskij?, la risposta è in un sogno

di 

- Una storia dalle forti connotazioni metafilmiche, ispirata all'esperienza lavorativa e alla vita interiore del regista Murat Düzgünoğlu

Why Can't I Be Tarkovskij?, la risposta è in un sogno
Tansu Biçer in Why Can't I Be Tarkovskij?

Sul muro della sua stanza Bahadir ha un ritratto di Andrej Tarkovskij e una citazione: "Nessuno che abbia mai tradito i propri principi, può avere una relazione pura con la vita". E' il motto che tormenta il protagonista di Why Can't I Be Tarkovskij? [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, in concorso al Bergamo Film Meeting, e probabilmente il regista stesso, Murat Düzgünoğlu

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Bahadir (Tansu Biçer) è un regista trentacinquenne che dirige spot commerciali o film tv che si ispirano alle canzoni della tradizione folk turca. Il suo sogno è fare un film d'arte alla Tarkovskij, appunto, ed è talmente un sogno che vediamo Bahadir letteralmente sognare se stesso protagonista della scena iniziale di Stalker. Quando non dorme è alle prese con le comiche difficoltà produttive sul set di un film tv, con la fidanzata insoddisfatta, i coinquilini rozzi bevitori di birra e poco cinefili, il padre che lo considera un fallito. Il produttore con cui è riuscito ad avere un appuntamento gli dice che la sua sceneggiatura è scritta bene ma nessuno andrebbe a vedere quel film alla Bergman o Kaurismaki ("forse in Francia o Olanda") e gli consiglia di scrivere una bella storia romantica con un triangolo amoroso: "Think commercial".

Solo un altro film sulla difficoltà del fare cinema e la sostanziale solitudine nel riuscire nell'impresa? Sembrerebbe di si. Quella di Düzgünoğlu è una commedia molto universale ma sentita, che non ha paura di cimentarsi con un tema sul quale si sono esercitati magnificamente Truffaut, Wenders, Fassbinder e mille altri (in definitiva il premio Oscar Birdman è un film su un difficile allestimento a Broadway e la crisi esistenziale di un regista/attore).

Murat Düzgünoğlu, che si è affermato come documentarista e poi nell'industria televisiva turca, è uno smaliziato artista convinto che l'autocommiserazione da loser del protagonista della sua opera seconda non faccia che nutrire l'ambizione. Una storia dalle forti connotazioni metafilmiche, ispirata alla sua esperienza lavorativa e alla sua vita interiore, era probabilmente l'idea migliore per soddisfare il suo ego di regista e allo stesso tempo stimolare una riflessione nello spettatore. 

Leggi anche

Film Business Course
WBImages Locarno
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss