Glory (2016)
The Party (2017)
Que Dios nos perdone (2016)
Out (2017)
L'altro volto della speranza (2017)
Quello che so di lei (2017)
Una vita (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

SOFIA 2015 Premi

email print share on facebook share on twitter share on google+

Il Sofia IFF insegna The Lesson

di 

- Il film d’esordio di Kristina Grozeva e Petar Valchanov fa piazza pulita al festival più grande del suo Paese portandosi a casa quattro premi

Il Sofia IFF insegna The Lesson
Kristina Grozeva e Petar Valchanov con il Grand Prix per The Lesson

Il Sofia International Film Festival (dal 5 al 15 marzo) ha chiuso quest'edizione sabato sera con il trionfo del film bulgaro The Lesson [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Kristina Grozeva, Petar Va…
intervista: Margita Gosheva
scheda film
]
, esordio del duo di registi Kristina Grozeva e Petar Valchanov. Il film (leggi la recensione), che è già stato proiettato in anteprima a San Sebastián ricevendo il Premio come Miglior Film nella sezione dei Nuovi Registi, ha vinto il Premio FIPRESCI, il Premio del Pubblico, il Premio come Miglior Film Bulgaro e il Grand Prix del festival. La cerimonia, presentata dal direttore del festival Stefan Kitanov, ha visto per ben quattro volte i due registi di Sofia salire sul palco per ritirare i premi (ciascuno accompagnato da una rosa bulgara). “Nel 2015, festeggiamo i 100 anni del cinema bulgaro e spero che lo celebreremo con tanti film”, ha sottolineato Grozeva durante i discorsi di ringraziamento. Il film che nel 2011 aveva già vinto la competizione nazionale e quella internazionale è stato Shelter [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Dragomir Sholev.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Consegnato da una giuria presieduta dal regista nazionale Stephan Komandarev, l’elenco dei premi nella competizione internazionale è stato completato dal Premio Speciale della Giuria a We Are Young. We Are Strong [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
del regista tedesco Burhan Qurbani, mentre il Premio alla Miglior Regia è stato conferito al regista ungherese Gabor Reisz per il suo For Some Inexplicable Reason [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]

Nelle sezioni parallele del festival si sono celebrati anche i nuovi talenti del cinema europeo e asiatico. Nella competizione bulgara, che vede The Lesson in testa, la Menzione Speciale è andata a Corpse Collector [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Dimitar Dimitrov. La competizione dei Film balcanici è stata vinta da Come to My Voice [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Hüseyin Karabey
scheda film
]
del cineasta turco Hüseyin Karabey, premiato con il Domaine Boyar Award, mentre il regista rumeno Radu Jude si è portato a casa la Menzione Speciale con il film Aferim! [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Radu Jude
scheda film
]
, acclamato alla Berlinale. Infine, The Look of Silence [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
 di Joshua Oppenheimer ha trionfato nella sezione documentari, che ha, a sua volta, conferito la Menzione Speciale al film d’esordio croato diTiha K Gudac, Naked Island [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
.

Nel frattempo, la sezione del festival dedicata all'industria, il Sofia Meetings, ha accolto 16 progetti nell’ambito del suo programma, consegnando premi a cinque di loro: The Ladder di Ali Jaberansari (l’Hungarian Filmlab Award), Neighbours di Grigol Abashidze (il Focusfox Studio Post Production Award), Misty Illumination di Hüseyin Karabey (il Synchro Film, Video & Audio Award), Pig di Dragomir Sholev (il Yapimlab Young Producer Award) e The T Factor di Francesco Costabile (il Mediterranean Film Institute Award).

(Tradotto dall'inglese)

Emilia Romagna_site IT
Film Business Course
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss