Quello che so di lei (2017)
Bigfoot Junior (2017)
The Party (2017)
Western (2017)
Que Dios nos perdone (2016)
L'altro volto della speranza (2017)
Out (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

BOX OFFICE Italia

email print share on facebook share on twitter share on google+

Ciné/Box Office: La commedia europea batte quella USA

di 

- Al botteghino vincono i supereroi americani e i comici nazionali. In Italia si fa poca animazione e non ci si avventura su altri generi, se si eccettua Gabriele Salvatores con Il ragazzo invisibile

Ciné/Box Office: La commedia europea batte quella USA
Il ragazzo invisibile di Gabriele Salvatores

Una piccola sorpresa arriva dal convegno “Cosa funziona cosa no. I generi e i gusti del pubblico: focus sul quinquennio 2010-2014”, organizzato dal magazine Box Office, che si è svolto a Riccione nell’ambito delle giornate Ciné. La Commedia internazionale di ambientazione europea ha più gradimento di quella americana: nel quinquennio 2010 - 2014, il titolo di punta è stato il francese Quasi amici [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
 con 15 milioni di euro nel 2012. Bene anche i film di Woody Allen ambientati a Parigi (Midnight in Paris [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, circa 8 milioni di box office) e a Roma (To Rome with Love [+leggi anche:
trailer
intervista: Woody Allen
scheda film
]
, circa 8 milioni).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Nell'analisi fatta da Box Office sul gradimento dei generi per i film che hanno incassato oltre un milione di euro, l'Action ha visto nel quinquennio l’esplosione del fenomeno Fast&Furious, in costante crescita tra 2011 e 2013, mentre il 2012 è stato l’anno di Skyfall [+leggi anche:
recensione
trailer
making of
scheda film
]
. Genere ad hoc è quello dei Supereroi che sono sempre più determinanti nel box office complessivo. I fenomeni più rilevanti sono stati Iron Man 3 (16 milioni nel 2013), Avengers (18 milioni nel 2012) e Il cavaliere oscuro-Il ritorno (14,6 milioni nel 2012). In ambito fantascientifico si è consolidato il nome di Christopher Nolan con i successi di Inception e Interstellar [+leggi anche:
trailer
making of
scheda film
]
, entrambi oltre i 10 milioni.  Il Fantasy, nel quinquennio, ha perso saghe fondamentali come quella di Harry Potter e Twilight che hanno trainato il genere nel 2010 insieme all’exploit anche di Alice in Wonderland (anche grazie al 3D). Meno efficace la trilogia de Lo Hobbit che non è riuscita a ottenere le performance de Il signore degli anelliMaleficent è stato una sorpresa nel 2014, con oltre 14 milioni.

Difficoltà del Thriller internazionale mentre l’Avventura vive di fiammate di singoli film come Pirati dei Caraibi 4 (17 milioni di euro nel 2011) ma anche i dei successi di film particolari come quelli su Sherlock Holmes. L’Animazione ha ottenuto risultati costanti,  poco significativi i gli incassi del genere Family a parte I puffi che nel 2011 hanno superato gli 11 milioni. Costante anche il genere Drammatico ha risultati costanti negli anni: i top title si attestano tra i 7 e gli 8 milioni di euro (Shutter Island, Il discorso del re [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Tom Hooper
scheda film
]
, Il grande Gatsby
); il grande successo oltre la media è stato quello di Wolf of Wall Street con 12 milioni nel 2014.

Per quanto riguarda il cinema italiano, che ha registrato una quota di mercato del 27,6% nel 2014, c’è una indubbia prevalenza di genere comico e commedia, concentrati tra autunno e primavera. I fenomeni comici sono stati rappresentati da Benvenuti al Sud [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
 e Benvenuti al Nord [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
 e, ovviamente, dai successi di Checco Zalone con Ma che bella giornata (43 milioni di euro) e Sole a catinelle [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
 (51,8 milioni). Ma la Commedia sembra in calo. Dopo i picchi di Io, loro e Lara [+leggi anche:
recensione
trailer
making of
scheda film
]
Immaturi [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
 (15 milioni tra 2010 e 2011), i top title degli anni successivi hanno incassato meno (al massimo 12 milioni per Un boss in salotto [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
). Nel 2013 nessun film ha raggiunto i 6 milioni.

Per quanto riguarda il genere drammatico, tra i picchi degli ultimi anni Baciami ancora [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
 (2010) e La migliore offerta [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
 (2013), attorno ai 9 milioni, seguiti dai successi de La grande bellezza [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Paolo Sorrentino
festival scope
scheda film
]
 e Il giovane favoloso [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Mario Martone
scheda film
]
 tra 6 e 7 milioni. 

In Italia si fa poca animazione e non ci si avventura su altri generi, se si eccettua Gabriele Salvatores con il suo family Il ragazzo invisibile [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Gabriele Salvatores
scheda film
]
 e i due polizieschi come Vallanzasca [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
 e Acab [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Stefano Sollima
scheda film
]
, entrambi sui 2,9 milioni di euro. Andrea Occhipinti, presidente distributori Anica, ha commentato l'analisi di Box Office sottolineando l'importanza di rischiare su nuovi generi. "Il nostro cinema è caratterizzato soprattutto dalla commedia e dai film comici, a cui si aggiungono i film d’autore. Inoltre, nel nostro paese manca completamente la produzione legata all’animazione. Un segmento che invece è ampiamente consolidato in altri paesi come Francia, Germania, Corea e Giappone. La produzione italiana purtroppo manca di fantasia e rischia di ripetersi senza dare spazio a nuovi autori e idee. Acab o Vallanzasca hanno interessato i giovani; credo che ci sia spazio per questo tipo di produzioni".

DPC
WBImages Locarno
Swiss Locarno
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss