Glory (2016)
The Party (2017)
Que Dios nos perdone (2016)
L'altro volto della speranza (2017)
Quello che so di lei (2017)
Una vita (2016)
Out (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

INDUSTRIA Italia

email print share on facebook share on twitter share on google+

Damilano, Torino FC: "Investire nel cinema conviene"

di 

- Incontro del presidente con gli imprenditori. Investendo in un film è possibile usufruire di un credito di imposta del 40%, ed è possibile guadagnare anche il 16% in soli 6 mesi

Damilano, Torino FC: "Investire nel cinema conviene"
La star francese Bérénice Bejo

Da due anni presidente della Film Commission Torino PiemontePaolo Damilano ha incontrato ieri gli imprenditori della regione per raccontare come "non sia mai stato così conveniente investire nel cinema". Nell'ultimo anno la FC ha raggiunto i 4 milioni di euro di investimenti, ripartiti in 5 film che hanno coinvolto 8 aziende, per una ricaduta totale sul Piemonte di 3,5 milioni. Nelle ultime settimane Torino ha ospita Marco Bellocchio, che sta realizzando Fai bei sogni, tratto dal best seller autobiografico di Massimo Gramellini, con Valerio Mastandrea nei panni del giornalista. Al suo fianco la star francese Bérénice Bejo, protagonista del film premio Oscar The artist [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Michel Hazanavicius
scheda film
]
. Producono IBC MovieKavacRai Cinema e Ad Vitam, con il contributo di MiBACT, FC Torino Piemonte e Fip. Il budget del film ammonta a cinque milioni di euro, con una stima di ricaduta sul Piemonte di tre milioni.  

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Damilano ha spiegato che investendo in un progetto cinematografico è possibile usufruire di un credito di imposta del 40% sul valore dell'investimento che permette di compensare debiti fiscali dopo circa 2 mesi dall'uscita del film in sala come Irpef, Ires. Irap, Iva e tasse e assicurazioni varie e recuperare il restante 60%, più un margine sugli utili variabile in base ai ricavi del film grazie ad un corridoio di rientro privilegiato. "Un bel business", lo definisce il presidente della commissione, che aggiunge: "Come capitato a diversi investitori, è possibile guadagnare anche il 16% in soli 6 mesi, con la consulenza di Fip, il fondo revolving della Film Commission". 

Molte aziende però trovano strano accomunare il proprio brand ad un film. "Chi investe nel cinema può beneficiare di numerose e originali attività di comunicazione, dalla presenza del logo nei titoli di testa, alla possibilità di organizzare anteprime riservate per i propri clienti, visite sul set e cene con il cast artistico, fino alla partecipazione a festival nazionali e internazionali assieme al film". 

Gijon_Home
Odessa site
Film Business Course
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss