Miséricorde (2016)
6.9 on the Richter Scale (2016)
Belle Dormant (2016)
Callback (2016)
Sámi Blood (2016)
Grave (2016)
Lady Macbeth (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

SALONICCO 2015 Premi

email print share on facebook share on twitter share on google+

Rams conquista Salonicco

di 

- Il dramma islandese ha vinto il primo premio in una cerimonia di premiazione dominata in gran parte dai latinoamericani

Rams conquista Salonicco
I vincitori del Thessaloniki Film Festival 2015 (© Ververidis Vasilis/Motionteam)

Il secondo lungometraggio di finzione di Grimur Hakonarson, Rams [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Grimur Hakonarson
scheda film
]
, ha vinto il primo premio al Thessaloniki International Film Festival, aggiungendo il Golden Alexander Award alla lista dei riconoscimenti che il film ha ottenuto dalla vittoria del Premio Un Certain Regard dello scorso maggio. Il film narra di due anziani fratelli costretti a superare i loro conflitti al fine di salvare il loro bestiame.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)suspi_2016_468x60

Land and Shade [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, anch'esso presentato a Cannes, vincendo la Caméra d'Or, ha portato a casa un totale di tre premi a Salonicco: il Silver Alexander, il Premio Valori Umani (consegnato dal Parlamento Greco) e il Premio del Pubblico per un film della Competizione Internazionale hanno reso l'opera prima di César Augusto Acevedo il film più premiato del festival.

La co-produzione colombiano-franco-olandese-cileno-brasiliana di Acevedo è stata raggiunta dal titolo argentino-olandese-qatariano Road to La Paz, che è valso all'emergente Francisco Varone il Bronze Alexander, come anche dal messicano 600 Miles, per il quale Gabriel Ripstein ha vinto il Premio al Miglior Regista, da aggiungere al suo Premio alla Miglior Opera Prima della Berlinale.

Co-prodotto da Grecia, Germania e Stati Uniti, Petting Zoo di Micah Magee, proiettato alla Berlinale, ha vinto il Premio alla Miglior Attrice per Devon Keller, mentre l'interpretazione di Alfredo Castro nel vincitore del Leone d'Oro From Afar (Venezuela/Messico) gli è valso il Premio al Miglior Attore.

Runar Runarsson ha ricevuto il Premio Artistico per Sparrows [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Rúnar Rúnarsson
scheda film
]
(Islanda/Danimarca/Croazia), mentre Mustang [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Deniz Gamze Ergüven
scheda film
]
(Turchia/Francia/Germania/Qatar) ha vinto il Premio del Pubblico per un film nella sezione Balkan Survey, e il titolo statunitense Me and Earl and the Dying Girl ha ricevuto lo stesso premio nella sezione Open Horizons.

In un'insolita vittoria ex aequo, le produzioni greche hanno entrambe ricevuto i premi FIPRESCI, con la nomina del secondo film di Giorgos Gkikapeppas Silent [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
 (Grecia) a miglior film della Competizione Internazionale, e la vittoria di Blind Sun [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
dell'emergente Joyce Nashawati (Grecia/Francia) del premio della critica nella sezione Greek Panorama. Le produzioni locali Chevalier [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
e Spring Awakening hanno condiviso il Premio del Pubblico della sezione greca.

(Tradotto dall'inglese)

courgette oscar shortlist
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

suspi_2016_web300x250