The Nile Hilton Incident (2017)
The Party (2017)
Que Dios nos perdone (2016)
L'altro volto della speranza (2017)
Verano 1993 (2017)
Tom of Finland (2017)
Barrage (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

USCITE Italia

email print share on facebook share on twitter share on google+

Il colore dell’erba, un film da guardare a occhi chiusi

di 

- In sala a febbraio il delicato road movie di Juliane Biasi Hendel per un pubblico di non vedenti. Mentre si inaugura domenica a Roma una rassegna per persone sorde

Il colore dell’erba, un film da guardare a occhi chiusi
Il colore dell’erba di Juliane Biasi Hendel

Arriva in sala il documentario Il colore dell’erba [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Juliane Biasi Hendel, delicato road movie su due giovanissime amiche non vedenti prodotto da Indyca assieme a Kuraj, con il sostegno del Mibact, di Trentino Film Commission, Piemonte Doc Film Fund e Rai 3 (Doc 3) e con il patrocinio dell’UICI - Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il film, presentato in anteprima italiana il 18 gennaio a Torino, sarà proiettato da febbraio nelle principali città italiane. Il film offre una esperienza sensoriale unica grazie alla costruzione di un vero e proprio “paesaggio sonoro” che rende il film visibile “a occhi chiusi”. Ideato per essere percepito anche da un pubblico di non vedenti, Il colore dell’erba si avvale del contributo del sound designer Mirco Mencacci, istituzione nel mondo del sonoro, già collaboratore di Marco Tullio Giordana, Ferzan Ozpetek, e Michelangelo Antonioni. Mencacci ha creato assieme alla regista e il team Indyca un universo sonoro che riproponesse il mondo non solo fisico ma anche emotivo delle sue giovani protagoniste nel quale immergere gli spettatori e che, per la prima volta al cinema, permette di unire nella visione persone vedenti e non vedenti.

Intanto domenica 24 gennaio si inaugura alla Casa del Cinema, un programma di cinema italiano dedicato alle persone sorde. Grazie al supporto di Istituto Luce - Cinecittà e in collaborazione con l’Ente Nazionale per la Protezione dei Sordi, per quattro domeniche il nuovo cinema italiano si rende accessibile alle persone sorde, con la partecipazione di autori, attori e tecnici. I film, selezionati su indicazione dell’ENS, saranno sottotitolati e sarà disponibile il servizio di interpretariato LIS.

Il primo film della rassegna, aperta anche al pubblico nei limiti dei posti disponibili, è Gli ultimi saranno ultimi [+leggi anche:
recensione
trailer
making of
scheda film
]
di Massimiliano Bruno. Seguiranno Alaska [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Claudio Cupellini (il 28 febbraio), Lo chiamavano Jeeg Robot [+leggi anche:
recensione
trailer
making of
film focus
intervista: Gabriele Mainetti
scheda film
]
di Gabriele Mainetti (il 13 marzo) e Chiamatemi Francesco [+leggi anche:
recensione
trailer
making of
scheda film
]
di Daniele Luchetti (in programma domenica 8 maggio). I film, messi a disposizione da Cinecittà - Istituto Luce con il supporto delle case produttrici e distributrici sono stati scelti, su indicazione dell’Ente Nazionale per la protezione dei sordi, tra quelli oggi promossi nel mondo e selezionati dai festival internazionali. Il programma completo è consultabile sul sito www.casadelcinema.it.

Gijon_Home
Odessa site
Film Business Course
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss