Nico, 1988 (2017)
Muchos hijos, un mono y un castillo (2017)
The Nothing Factory (2017)
Out (2017)
Soleil battant (2017)
Il mio Godard (2017)
Thelma (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

PRODUZIONE Romania

email print share on facebook share on twitter share on google+

Emanuel Pârvu produce il suo primo lungometraggio

di 

- The Not So Happy Side of Things è un dramma sull'adozione e i legami familiari

Emanuel Pârvu produce il suo primo lungometraggio
Il regista Emanuel Pârvu e l'attore Adrian Titieni sul set di The Not So Happy Side of Things

L'opera prima di Emanuel Pârvu, Meda or the Not So Bright Side of Things [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Emanuel Pârvu
scheda film
]
 (titolo provvisorio: The Not So Happy Side of Things), ha iniziato le riprese il 7 marzo e la produzione dovrebbe concludersi a fine mese. La società di produzione è FAMart Productions, rappresentata dalla produttrice emergente Miruna Berescu

Il film è interpretato da Şerban Pavlu nei panni di Doru, un boscaiolo la cui moglie è morta di recente. Come se la sua perdita non bastasse, Doru deve ora mandare la giovane Meda, una ragazzina per la quale la moglie aveva fatto da assistente sociale per otto anni, all'orfanotrofio. C'è una possibilità per Doru di adottare Meda, ma le pratiche sono costose, e l'uomo vive in una regione dove il taglio del legno e l'allevamento delle vacche sono gli unici mezzi legali per guadagnare. Dopo aver tentato di tutto per tenersi Meda, Doru si rende conto che potrebbe essere necessario agire dal lato sbagliato della legge, per riuscirvi.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Sceneggiato da Pârvu, il film è interpretato anche da Florin Zamfirescu, Adrian Titieni, Dan Aştilean e dalla giovane Ana Radu nel ruolo dell'adolescente Meda. Il direttore della fotografia è Silviu Stavilă.

"Avevo la storia in mente da qualche anno: il rapporto tra genitore e figlio è un argomento universale, ma quando si parla di adozione, l'amore di un genitore per il bambino raggiunge un livello più intenso e profondo. Credo che gli spettatori rifletteranno sul loro rapporto con i figli dopo aver visto il film. Mediteranno anche sui sacrifici, le scelte e le opzioni che la vita ci riserva," dice Pârvu.

Quanto alla produttrice Berescu, dice che la decisione di fare il film in modo indipendente è una diretta conseguenza del modo in cui il Romanian National Film Center tratta i produttori emergenti (vedi news). Poiché non vi era alcuna possibilità di vincere il sostegno alla produzione dell'istituzione, una produzione a micro-budget era l'unico modo per fare il film. La Berescu dice che il budget totale del film ammonta a €70.000, aggiungendo che la somma dovrebbe essere calcolata in "amicizia" piuttosto che in contanti, poiché la squadra ha ricevuto un aiuto prezioso in termini di servizi di produzione.

(Tradotto dall'inglese)

ArteKino
Unwanted_Square_Cineuropa_01
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss