En attendant les hirondelles (2017)
Meda or the Not So Bright Side of Things (2017)
Euthanizer (2017)
Western (2017)
Jupiter's Moon (2017)
Petit Paysan (2017)
Insyriated (2017)

CANNES 2017 ACID

email print share on facebook share on twitter share on google+

Avant la fin de l’été, un road-movie dalle sfumature indie

di 

- CANNES 2017: Il primo lungometraggio della regista svizzera francese e belga Maryam Goormaghtigh ci conduce sulle strade soleggiate del sud della Francia, tra risate e lacrime, malinconia e speranza

Avant la fin de l’été, un road-movie dalle sfumature indie

La regista svizzera francese e belga Maryam Goormaghtigh muove i suoi primi passi sul tappeto rosso del Festival de Cannes grazie al suo sorprendente road-movie Avant la fin de l’été [+leggi anche:
trailer
film focus
intervista: Maryam Goormaghtigh
scheda film
]
(premio di aiuto alla post produzione 2016 al Festival Entrevues di Belfort), selezionato assieme ad altri nove film nella programmazione alternativa dell’ACID. La spontaneità e la generosità sono il filo conduttore di una storia che la nostra giovane regista domina dall’inizio alla fine. Avant la fin de l’été emana un dolce e inebriante profumo di commedia indipendente, leggera e sofisticata, senza però scadere nella superficialità. I suoi personaggi, veri e propri eroi della nostra epoca: confusa e instabile, affrontano la vita con la consapevolezza che potrebbe non esserci un domani. Niente è permanente, tutto è costantemente (ri)costruito, questo è quello che sembrano insegnarci, con umore e una dose di ingenuità decisamente rigenerante.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Maryam Goormaghtigh percorre le strade di Francia in compagnia di un trio di trentenni iraniani esiliati proprio nel paese di Molière. Arash, dopo cinque anni di studi a Parigi non riesce ad abituarsi alla sua nuova vita e progetta di tornare a casa. Sperando di fargli cambiare idea Hossein e Askan lo convincono a seguirli on the road, per un’ultima, soleggiata vacanza. Le meravigliose immagini delle spiagge e dei paesaggi accolgono con deliziosa lentezza il giorno e la notte, i dialoghi dai toni filosofici e i silenzi, i dubbi e le (rare ma potenti) certezze. Cosa significa essere un iraniano emigrato in Francia? A cosa devono rinunciare i nostri tre eroi per ambire alla “libertà”? Maryam Goormaghtigh nuon vuole rispondere a queste domande, il suo scopo è piuttosto quello di offrire delle piste di riflessione, di introdurre il dibattito, con sensibilità e una strepitosa dosa di umorismo.

Avant la fin de l’été è un film poetico, al contempo malinconico e frizzante, dominato dalla presenza maestosa di Arash, Hossein e Askan. Maryam Goormaghtigh ci offre un ritratto toccante di tre uomini che non temono il ridicolo, ma che ne fanno al contrario un punto di forza. Per il nostro improbabile trio poco importa il fisico, il grado di “trendiness” o le tecniche di seduzione, quello che conta è aprirsi alla vita, malgrado le avversità, uniti da un’amicizia che sembra eterna. L’amicizia maschile è mostrata nel film con tenerezza e ironia, lontano, lontanissimo dai clichés. La virilità rima qui con sensibilità e euforia e non certo con superficialità e testosterone. I dialoghi, spesso densi ma mai eccessivi in persiano, lingua dal suono misterioso e poetico, diventano personaggio acquistando una vita propria. Il persiano rappresenta il legame indistruttibile tra i nostri tre amici e la loro terra natale, sorta di linguaggio segreto che li taglia fuori dal mondo che li circonda. La malinconia dell’anima in esilio si esprime attraverso le poesie recitate dai tre protagonisti o dai momenti in cui la leggerezza delle vacanze lascia il posto alle domande esistenziali: come fare coabitare quello che sono stati con quello che sono ora? È possibile dire addio per sempre alla propria patria? I paesaggi iraniani si sovrappongono quasi impercettibilmente a quelli francesi, come a ricordarci che queste due realtà possono coabitare pacificamente. La magnifica colonna sonora rafforza questo sentimento di fusione poetica tra due mondi in apparenza radicalmente diversi.  Maryam Goormaghtigh ci spinge a credere che in fondo siamo tutti uguali, uomini imperfetti alla ricerca della felicità.

Avant la fin de l’été è prodotto da Intermezzo Films, 4A4 Productions, Sunny Independent Pictures, RTS Radio Télévision Suisse e Salvaje Productions. I diritti mondiali appartengono a Intermezzo Film e 4A4 Productions.

Leggi anche

Bosphorus
Bridging_the_dragon_Home
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss