Glory (2016)
The Party (2017)
Que Dios nos perdone (2016)
Out (2017)
L'altro volto della speranza (2017)
Quello che so di lei (2017)
Una vita (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

KARLOVY VARY 2012

email print share on facebook share on twitter share on google+

Vanishing Waves (o Aurora): un mare d’amore

di 

- Cineuropa racconta il film di fantascienza lituano proposto in anteprima in East of the West e vincitore di una Menzione Speciale a Karlovy Vary

Vanishing Waves (o Aurora): un mare d’amore

Il cinema di genere in paesi con una limitata produzione cinematografica è una rarità, e può incontrare scarsa considerazione o anche stupore. Ma pur non essendo nel territorio dei blockbuster hollywoodiani, il lituano Vanishing Waves [+leggi anche:
trailer
intervista: Kristina Buozyte
festival scope
scheda film
]
(o Aurora) di Kristina Buožytė cerca di unire un intelligente racconto di fantascienza ad una storia (terrena) d’amore e passione. Il film è stato proposto in anteprima nel concorso East of the West a Karlovy Vary 2012.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Lukas è uno scienziato che partecipa ad un esperimento che lo porta nella testa di uno sconosciuto paziente in coma. Quello che ottiene inizialmente è un’esplosioni di suoni e immagini ma, a breve, vede una donna sconosciuta. Ogni volta che si riconnette al paziente scopre qualcosa in più su di lei, e così si innamora appassionatamente di qualcuno (o qualcosa) che potrebbe essere anche solo frutto dell’immaginazione del paziente. Presto la torrida relazione sognata comincia ad avere effetti sulla sua vita reale: le cose iniziano ad andare male, e dovrà scoprire chi è la persona in stato comatoso e quanto sia reale la donna del sogno.

Il film prende spunto dai tanti lungometraggi di fantascienza del passato est-europeo, pieni di costruzioni scientifiche bianco ghiaccio e panorami impressionistici. L’effetto è spesso forte, grazie al bel contrasto tra mondo reale e le strane terre nuove che Lukas esplora, anche se è talora troppo ampolloso e le scene di sesso sembrano fini a se stesse e prive di un significato utile alla storia. Ma quando tutto sembra diventare eccessivo o troppo melodrammatico, i protagonisti Marius Jampolskis e Jurga Jutaite riescono a dare una dimensione umana alle cose con una performance complessa e intensa.

La Menzione Speciale a Karlovy Vary dovrebbe portare l’interesse di distributori e programmatori di festival a un film che, nonostante alcuni errori, ha un’atmosfera unica e degna di attenzione.

(Tradotto dall'inglese)

Leggi anche

Emilia Romagna_site IT
Odessa site
Film Business Course
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss