Un padre, una figlia (2016)
Toni Erdmann (2016)
La mia vita di zucchina (2016)
Fuocoammare (2016)
The Happiest Day in the Life of Olli Mäki (2016)
Park (2016)
Waves (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

VENEZIA 2015 Orizzonti

email print share on facebook share on twitter share on google+

Interruption: giocare con le convenzioni e le aspettative

di 

- VENEZIA 2015: L'opera prima del regista greco Yorgos Zois è stata proiettata nella sezione Orizzonti della Mostra di Venezia

Interruption: giocare con le convenzioni e le aspettative

Dopo aver presentato i suoi cortometraggi Cassus Belli e Out of Frame nelle precedenti edizioni del Festival di Venezia, il regista greco Yorgos Zois ha proiettato il suo primo lungometraggio, Interruption [+leggi anche:
trailer
intervista: Yorgos Zois
scheda film
]
, alla competizione Orizzonti della 72ma Biennale. Con la sua storia intrigante su quanto può essere accecante, fatale, ma anche liberatorio mescolare realtà e finzione, il film utilizza un set teatrale, un palco che ospita un adattamento post-moderno dell'Orestea di Eschilo, per abbattere le convenzioni e costruire un mondo ibrido sulle sue ceneri.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)Cine Iberoamericano Int

Interruption è ispirato a un evento realmente accaduto. Nell'ottobre 2002, 50 ceceni armati entrarono al Teatro Dubrovka di Mosca e presero in ostaggio gli 850 spettatori che stavano guardando lo spettacolo. Per qualche istante, gli spettatori pensarono che gli aggressori fossero in realtà attori e che le loro gesta facessero parte di uno spettacolo nuovo, rivoluzionario, ed estremamente intrigante. Ciò che il pubblico ritenne essere una spettacolare trovata teatrale si dimostrò un'ambigua confusione di finzione e realtà, combinazione con conseguenze tristi per tutti i soggetti coinvolti.

Da questo punto di partenza di ambiguità, Zois si spinge oltre e fonde indissolubilmente i due regni, costruendo una prospettiva su più livelli sui ruoli e sull'identità. In Interruption, diversi uomini e donne armati irrompono durante un adattamento post-moderno dell'Orestea di Eschilo. Chiedono al pubblico di scusarli per l'interruzione e invitano alcuni spettatori sul palco. In un primo momento, gli spettatori sono entusiasti di far parte dello spettacolo, ma presto si troveranno vittime di una follia, mentre il palco buio sarà teatro di azioni scandalose ed assurde.

Avvalendosi di scenografie e movimenti di macchina curati nel dettaglio, Zois mostra quanto sia facile entrare nella terra di nessuno tra realtà e finzione. Gli eventi tragici dell'opera millenaria che vede Oreste pianificare l'assassinio della madre, Clitennestra, sono solo il primo livello di lettura di Interruption. Quando sono presenti contemporaneamente sul palco due Oreste, crolla ogni identità: gli attori diventano personaggi, gli spettatori diventano attori e personaggi, il regista diventa una figura simile a Dio, e le sue indicazioni diventano verità, una verità che può alterare la realtà mentre parla. Zois osserva tutto ciò che accade attraverso una lente fredda e indifferente che porterà il pubblico del film a meditare sulla propria identità e sul proprio ruolo mentre assiste alle tribolazioni dei personaggi sul grande schermo.

Interruption propone un insieme di attori interessanti, aiutato molto dalla complessità della loro identità ambigua sul palco. Alexandros Vardaxoglou interpreta il regista-divinità, ma la sua identità si evolverà presto, sottolineando più volte l'imprevedibilità della sceneggiatura ben stratificata di Zois. In altre parti, Maria Kallimani, Alexia Kaltsiki, Christos Stergioglou e Maria Filini hanno i loro momenti di gloria davanti alla macchina di Yannis Kanakis, che utilizza buio e luce per sfumare i confini tra il palco e il pubblico.

La co-produzione greco-franco-croata è stata prodotta da Pan Entertainment, EZ Films e Homemade Films.

(Tradotto dall'inglese)

Leggi anche

Seneca's Day Lithuania
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

Home Sweet Home