Quello che so di lei (2017)
Bigfoot Junior (2017)
The Party (2017)
Western (2017)
Que Dios nos perdone (2016)
L'altro volto della speranza (2017)
Out (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

PREMI Francia

email print share on facebook share on twitter share on google+

Otto candidati per il Louis-Delluc

di 

- Brizé, Garrel, Desplechin, Faucon, Giannoli, Barraud, Podalydès e Rithy Panh in lizza per l’edizione 2015 del prestigioso premio

Otto candidati per il Louis-Delluc
My Golden Days di Arnaud Desplechin

Il prestigioso premio Louis-Delluc, che sarà attribuito il prossimo 16 dicembre da una giuria composta da critici e personalità della settima arte e presieduta da Gilles Jacob, quest’anno vedrà competere otto lungometraggi per il titolo di miglior film.

Tra questi ci sono quattro opere presentate all’ultimo Festival di Cannes, La legge del mercato [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Stéphane Brizé
scheda film
]
di Stéphane Brizé (che è valso il Premio per la migliore interpretazione a Vincent Lindon) e tre titoli passati dalla Quinzaine des réalisateurs: L'Ombre des femmes [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Philippe Garrel, Fatima [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Philippe Faucon
scheda film
]
di Philippe Faucon e Trois souvenirs de ma jeunesse [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Arnaud Desplechin. Un altro film presentato sulla Croisette è il documentario The Missing Picture [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Rithy Panh che ha ottenuto il Premio Un Certain Regard nel 2013, uscito nelle sale francesi solo nell’ottobre 2015.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Gli altri tre pretendenti scelti per questa edizione del Louis-Delluc sono Marguerite [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Xavier Giannoli
scheda film
]
di Xavier Giannoli (presentato a Venezia), Comme un avion [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Bruno Podalydès e Le Dos rouge [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Antoine Barraud (presentato nella sezione Forum della Berlinale). Da notare che Desplechin e Garrel hanno già vinto una volta il premio Louis-Delluc, rispettivamente nel 2004 con I re e la regina [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
e nel 2005 con Gli amanti regolari [+leggi anche:
trailer
intervista: Philippe Garrel
scheda film
]
. In caso di vincita quest’anno, uno o l’altro entrerebbe a far parte della stretta cerchia dei doppi vincitori che include Abdellatif Kechiche, Claude Sautet, Louis Malle e Michel Deville, mentre Alain Resnais ha trionfato tre volte.

Per il premio Louis-Delluc al miglior film sono stati selezionati cinque lungometraggi, di cui due sono stati presentati in anteprima a Cannes: Mustang [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Deniz Gamze Ergüven
scheda film
]
di Deniz Gamze Ergüven alla Quinzaine des réalisateurs e Ni le ciel, ni la terre [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Clément Cogitore alla Semaine de la Critique. Sono anche in corsa Vincent n'a pas d'écailles [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Thomas Salvador (apprezzato a San Sebastian nel 2014, nella sezione Nuovi registi), Le Grand jeu [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Nicolas Pariser (presentato a Locarno, nella sezione Registi del presente, uscirà nelle sale il 16 dicembre) e Bébé tigre [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Cyprien Vial.

(Tradotto dal francese)

DPC
WBImages Locarno
Swiss Locarno
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss