The Nile Hilton Incident (2017)
The Party (2017)
Que Dios nos perdone (2016)
L'altro volto della speranza (2017)
Verano 1993 (2017)
Tom of Finland (2017)
Barrage (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

PREMI Belgio

email print share on facebook share on twitter share on google+

Dio esiste e vive a Bruxelles e Alleluia grandi vincitori ai Magritte

di 

- Sabato sera si sono svolti i Magritte del cinema belga (o meglio, francofono), dove i film di Jaco Van Dormael e Fabrice du Welz si sono spartiti buona parte dei premi in lizza

Dio esiste e vive a Bruxelles e Alleluia grandi vincitori ai Magritte
Jaco Van Dormael, con i suoi Magritte sabato scorso (©MdC2016)

Consegnati dall’Accademia André Delvaux, i Magritte premiano i migliori film belgi dell’anno.  Sebbene non si concentrino propriamente su opere in lingua francese, è questa la tipologia alla quale si interessano. Soltanto le categorie di miglior attore e miglior attrice sono aperte senza distinzioni agli interpreti di entrambe le lingue. E quest’anno, a sorpresa, sono proprio due attori fiamminghi ad aver vinto il premio: Wim Willaert per Je suis mort mais j’ai des amis [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Guillaume e Stéphane Malan…
scheda film
]
e Veerle Baetens per Un début prometteur [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
. Entrambi hanno fatto delle belle performance, ma alcuni sono rimasti stupiti di non vedere sul podio attori francofoni come Bouli Lanners o Jérémie Rénier, eccellenti in Tous les chats sont gris [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
e Ni le ciel, ni la terre [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
o ancora la rara Annie Cordy, stupefacente in Les Souvenirs [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Passata questa sorpresa, il resto dei premiati è più prevedibile. Il “veterano” Jaco Van Dormael ha visto il suo trionfo di pubblico confermato dai professionisti, aggiudicandosi il titolo di miglior film, miglior regista e migliore sceneggiatura (ha vinto anche quello alla miglior musica originale) per Dio esiste e vive e Bruxelles [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Jaco van Dormael
scheda film
]
, mentre Alleluia [+leggi anche:
recensione
trailer
making of
film focus
intervista: Fabrice Du Welz
scheda film
]
, la ballata sanguinolenta di Fabrice du Welz, si è aggiudicata i principali premi tecnici, sottolineando il suo forte impatto estetico (miglior montaggio, miglior suono, miglior fotografia, migliore scenografia).

Torniamo agli attori: Laurent Capelluto si è distinto nella categoria migliore attore non protagonista in L’Enquête [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
e Anne Coesens per il suo ruolo in Tous les chats sont gris. Per quanto riguarda le migliori promesse, due attori hanno vinto il premio: Lucie Debay per Melody [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Bernard Bellefroid
scheda film
]
e Benjamin Ramon per Etre [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
.

Infine, si noti che il Magritte alla migliore opera prima è stato conferito a Tous les chats sont gris di Savina Dellicour, quello al miglior film fiammingo a  Les Ardennes [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Robin Pront
scheda film
]
di Robin Pront, prodotto da Savage Film, mentre il Magritte alla migliore coproduzione è stato attribuito a La famiglia Bélier [+leggi anche:
trailer
making of
scheda film
]
di Eric Lartigau, coprodotto da Nexus Factory.

I vincitori

Miglior film
Dio esiste e vive a Bruxelles [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Jaco van Dormael
scheda film
]
- Jaco Van Dormael

Miglior regista
Jaco Van Dormael - Dio esiste e vive a Bruxelles

Migliore opera prima
Tous les chats sont gris [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
- Savina Dellicour 

Miglior film fiammingo
Les Ardennes [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Robin Pront
scheda film
]
 - Robin Pront

Miglior film straniero in coproduzione
La famiglia Bélier [+leggi anche:
trailer
making of
scheda film
]
- Eric Lartigau

Migliore sceneggiatura originale o adattamento
Dio esiste e vive a Bruxelles - Thomas Gunzig, Jaco Van Dormael 

Migliore attrice
Veerle Baetens - Un début prometteur [+leggi anche:
trailer
scheda film
]

Miglior attore
Wim Willaert - Je suis mort mais j’ai des amis [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Guillaume e Stéphane Malan…
scheda film
]


Migliore attrice non protagonista
Anne Coesens - Tous les chats sont gris

Migliore attore non protagonista
Laurent Capelluto - L’Enquête [+leggi anche:
trailer
scheda film
]

Migliore promessa femminile
Lucie Debay - Melody [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Bernard Bellefroid
scheda film
]

Migliore promessa maschile
Benjamin Ramon - Etre [+leggi anche:
trailer
scheda film
]

Migliore fotografia
Manu Dacosse - Alleluia [+leggi anche:
recensione
trailer
making of
film focus
intervista: Fabrice Du Welz
scheda film
]

Miglior suono
Emmanuel de Boissieu, Frédéric Meert, Ludovic Van Pachterbeke - Alleluia

Migliore scenografia
Emmanuel de Meulemeester - Alleluia

Migliori costumi
Pascaline Chavanne - La dame dans l'auto avec des lunettes et un fusil [+leggi anche:
trailer
scheda film
]

Migliore musica originale
An Pierlé - Dio esiste e vive a Bruxelles

Miglior montaggio
Anne-Laure Guégan - Alleluia

Miglior cortometraggio di finzione
L'ours noir - Méryl Fortunat-Rossi & Xavier Seron

Miglior cortometraggio d’animazione
Dernière porte au sud - Sacha Feiner

Miglior documentario
L'Homme qui répare les femmes [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
- Thierry Michel

(Tradotto dal francese)

Gijon_Home
Film Business Course
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss