Rester vertical (2016)
6.9 on the Richter Scale (2016)
Callback (2016)
Sámi Blood (2016)
Grave (2016)
Belle Dormant (2016)
Lady Macbeth (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

BERLINO 2016 Forum

email print share on facebook share on twitter share on google+

Depth Two: affrontare i nostri crimini

di 

- BERLINO 2016: Ognjen Glavonić è il primo regista serbo a prendere di petto i crimini di guerra compiuti dal suo paese nel documentario presentato al Forum

Depth Two: affrontare i nostri crimini

Per sei anni, il regista serbo Ognjen Glavonić ha fatto ricerche su un evento nascosto della guerra in Kosovo per un lungometraggio di finzione che sta cercando di fare. Sebbene la mancanza di finanziamenti gli impedisca tuttora di raggiungere quest'obiettivo, il lavoro che ha svolto ha portato ad un documentario dall'impressionante inventiva, presentato in anteprima mondiale al Forum della Berlinale.

Nel suo primo lungometraggio, Depth Two [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, che racconta un evento della guerra del Kosovo del 1999, in cui un camion freezer contenente i 55 cadaveri di civili albanesi uccisi dalla polizia e dall'esercito serbo finì nel Danubio nei pressi del confine serbo-rumeno, Glavonić utilizza le testimonianze degli autori, dei testimoni e di una vittima sopravvissuta alla strage fingendosi morta.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Nel 2001 e nel 2002 furono scoperte cinque fosse comuni in un sobborgo di Belgrado, nel luogo in cui a quel tempo si trovava l'area di formazione delle Forze Speciali Antiterrorismo. Il film esplora come questi due eventi siano collegati in modo straordinariamente efficace.

Il film si apre sul Danubio, vicino alla città di Tekija, dove il camion è stato tirato fuori dall'acqua. Le parole di un poliziotto arrivato per primo sulla scena, che si sentono come voce fuori campo, come tutte le testimonianze del film, sono accompagnate visivamente con immagini del fiume. Le parole di altri testimoni sono anch'esse accompagnate da scene girate presso i rispettivi luoghi, solo 17 anni dopo. Si va dal Danubio, passando per Priština e due cittadine del Kosovo, alla Serbia centrale e infine Batajnica, il punto delle fosse comuni.

Questa combinazione di storie inquietanti, tragiche e sconvolgenti e immagini di luoghi, in un primo momento aiuta lo spettatore a concentrarsi sulle voci. Ma poi accade qualcosa di nuovo: entra in gioco l'immaginazione, e il film diventa quasi ipnotico e crea immagini nella nostra testa. E queste immagini sono a dir poco terrificanti. Inoltre, la struttura da thriller permette al pubblico stesso di collegare i punti, aumentando la sensazione di tensione e, infine, di shock.

La parte centrale del film è dedicata alle testimonianze alternate della vittima albanese sopravvissuta e di uno dei soldati che hanno commesso il crimine. Ascoltando il soldato, non possiamo non renderci conto anche lui è una vittima. Ma Glavonić non lascia spazio per gli alibi che anche i migliori film balcanici sui crimini di guerra presentano per le proprie nazioni. Finalmente, ecco un film acclamato internazionalmente in cui un regista di uno dei Paesi dell'ex Jugoslavia, dice: abbiamo fatto questo, e dovremmo vergognarci. E se mai ci fosse un posto perfetto per questa dichiarazione, è certamente Berlino.

La maggior parte del sonoro è stato registrato ai processi di Milošević e dei suoi subordinati presso il Tribunale Internazionale per l'Ex Jugoslavia a L'Aia. La montatrice Jelena Maksimović (Mother [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Vlado Škafar
scheda film
]
) crea un ritmo incessante, in cui non c'è spazio per la quiete, anche nelle parti che non contengono testimonianze. Allo stesso tempo, il film non può essere definito veloce: il suo ritmo è lento, ma il suo contenuto è troppo potente per permettere allo spettatore di respirare. Meglio farlo dopo l'esperienza, che non ti abbandona per molto tempo.

Depth Two è una co-produzione tra la serba Non-Aligned Films e l'Humanitarian Law Centre, e la francese Cinéma Defacto. I diritti internazionali sono gestiti dalla società greca Heretic Outreach.

(Tradotto dall'inglese)

Leggi anche

courgette oscar shortlist
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

suspi_2016_web300x250