Thelma (2017)
Soleil battant (2017)
The Nothing Factory (2017)
Muchos hijos, un mono y un castillo (2017)
Out (2017)
Corpo e anima (2017)
Il mio Godard (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

PRODUZIONE Ungheria

email print share on facebook share on twitter share on google+

Milky Way psichedelico per Benedek Fliegauf

di 

Milky Way psichedelico per Benedek Fliegauf

Bella sorpresa per i fan della nuova generazione di registi ungheresi: uno dei suoi rappresentanti più talentuosi, Benedek Fliegauf, ha girato in segreto nell'autunno 2006 e l'inverno 2007 il suo terzo lungometraggio Milky Way, ora in post-produzione. Reso famoso da Forest e pluripremiato per Dealer, il regista magiaro di 32 anni a dovuto sospendere per il momento il suo progetto fantastico Fairy Ring (leggi l’articolo) per mancanza di finanziamenti, per lanciarsi in Milky Way, un film definito psichedelico e concepito sulla scia della musica "ambient" esplorata da Brian Eno. Combinando stili diversi, questa corrente che risale a Eric Satie e conta tra le sue figure più note Robert Rich, Brian Lustmord e The Dead Texan, ha come principio l'armonizzazione di molteplici livelli di ascolto, senza forzamenti. Cercando di adattare questo principio al cinema, Benedek Fliegauf ha cercato di fare di Milky Way una sorta di "trip" metafisico e ipnotico a più livelli, aperto a una grande libertà d'interpretazione.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il vero protagonista del film è il pianeta Terra, o meglio la galassia dell'umanità: la Via Lattea. Lunghe sequenze minimaliste ritraggono le azioni dei protagonisti come se fossero colte oggettivamente dall'esterno, nell'eternità. Composto da diversi episodi uniti dallo stesso stile e la stessa atmosfera, Milky Way utilizza la tematica del mistero come filo rosso delle storie, un mistero multiforme che va dall'umano al divino, passando per la psicologia, il naturale e il microrealista. Un vasto programma che dà, secondo Benedek Fliegauf, "un punto di vista orbitale che ci permette di vedere il luogo in cui viviamo veramente: un pianeta in uno spazio infinito". Nel film, non ci sono città, campagne, conflitti politici, ma la biosfera, i paesaggi senza tempo e questi esseri strani e misteriosi che vivono in noi: noi stessi".

Autore del testo di Milky Way, Benedek Fliegauf ne ha firmato anche la musica con Raptors’ Kollektiva. Come i suoi film precedenti, il lungometraggio è prodotto da András Muhi per Inforg Stúdió. Nel cast figurano i due attori principali di Dealer (Felícián Keresztes e Barbara Thurzó), ma anche László Benedek e János Breckl.

(Tradotto dal francese)

ArteKino
Unwanted_Square_Cineuropa_01
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss