email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

TRIESTE 2022

Il Trieste Film Festival torna in forma ibrida

di 

- Il cinema dell’Europa dell'Est e quello italiano dal 21 al 30 gennaio. Apre Quel giorno tu sarai, il nuovo lungometraggio di Kornél Mundruczó

Il Trieste Film Festival torna in forma ibrida
Quel giorno tu sarai di Kornél Mundruczó

La 33ma edizione del Trieste Film Festival si terrà dal 21 al 30 gennaio con una formula “ibrida” dopo quella forzatamente in streaming dell’anno scorso. Apre Quel giorno tu sarai [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Kornél Mundruczó e Kata Wé…
scheda film
]
, il nuovo lungometraggio diretto da Kornél Mundruczó, dopo il successo di Pieces of a Woman [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Kornél Mundruczó e Kata Wé…
scheda film
]
, premiato a Venezia e candidato all'Oscar. Applaudito nella sezione Cannes Premiere all'ultimo Festival di Cannes, Quel giorno tu sarai ha sempre Martin Scorsese nella veste di produttore esecutivo (è in uscita nelle sale italiane il 27 gennaio distribuito da Teodora Film).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

L’Eastern Star Award, nato per segnalare le personalità del mondo del cinema che con la loro carriera hanno gettato un ponte tra l’Est e l’Ovest sarà assegnato quest’anno proprio a Mundruczó. Il Cinema Warrior Award, va invece a Luciana Castellina.

I titoli del Concorso lungometraggi del festival diretto da Fabrizio Grosoli e Nicoletta Romeo sono undici (in giuria le critiche cinematografiche Dubravka Lakić ed Emanuela Martini, e il programmatore e selezionatore Edvinas Pukšta). Il croato Murina [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Antoneta Alamat Kusijanović
intervista: Gracija Filipovic
scheda film
]
di Antoneta Alamat Kusijanović, vincitore della Caméra d’or come migliore opera prima all’ultimo Festival di Cannes) sottolinea nella tensione tra una figlia adolescente e un padre ossessivo le derive scioviniste di un intero Paese. Una storia familiare, ma tutta al femminile, è Women Do Cry [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Mina Mileva, Vesela Kazakova
scheda film
]
, delle bulgare Mina Mileva e Vesela Kazakova. Tornano a Trieste Stefan Arsenijević, con As Far as I Can Walk [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Stefan Arsenijević
scheda film
]
che adatta il poema medievale Strahinja Banović nella Belgrado di oggi, e il rumeno Radu Muntean, che in Întregalde [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Radu Muntean
scheda film
]
usa la fiaba per mettere in crisi una missione umanitaria. Bebia. À mon seul désir [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Juja Dobrachkous
scheda film
]
di Juja Dobrachkous è un omaggio alle registe del cinema georgiano, protagoniste quest'anno della sezione "Wild Roses. Registe in Europa”. Dalla Serbia Celts [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Milica Tomovic
scheda film
]
di Milica Tomović e Darkling [+leggi anche:
recensione
intervista: Dušan Milić
scheda film
]
di Dušan Milić, sui traumi della guerra in Kosovo. Lo Stato balcanico è al centro anche di due racconti al femminile, The Hill Where Lionesses Roar [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Luana Bajrami
scheda film
]
firmato da Luàna Bajrami (presentato alla Quinzaine di Cannes) e Looking for Venera [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Norika Sefa
scheda film
]
di Norika Sefa (premiato a Rotterdam). Il bullismo è il tema di Sisterhood [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Dina Duma, Antonia Belazel…
scheda film
]
di Dina Duma, dalla Macedonia del nord, mentre la Slovenia è presente con Orkester [+leggi anche:
recensione
scheda film
]
di Matevž Luzar.

Un’altra grande firma del cinema ungherese, Ildikó Enyedi, chiude le proiezioni dal vivo del festival con The Story of My Wife [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Ildikó Enyedi
scheda film
]
presentato in concorso a Cannes 2021 e interpretato da Léa Seydoux, Gijs Naber, Louis Garrel, Sergio Rubini e Jasmine Trinca.

Altre sei i titoli fuori concorso: lo slovacco 107 Mothers [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Peter Kerekes
scheda film
]
di Peter Kerekes, Not So Friendly Neighbourhood Affair [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
del premio Oscar Danis Tanović, Fabian - Going to the Dogs [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Albrecht Schuch
scheda film
]
del tedesco Dominik Graf, Piccolo corpo [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Laura Samani
scheda film
]
, esordio dell’italiana Laura Samani, Vera Dreams of the Sea [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Kaltrina Krasniqi
scheda film
]
della kosovara Kaltrina Krasniqi; e il polacco Leave No Traces [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Jan P. Matuszyński
scheda film
]
di Jan P. Matuszyński.

Dodici i titoli del Concorso documentari: 1970 [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Tomasz Wolski
scheda film
]
di Tomasz Wolski, Reconstruction of Occupation [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Jan Šikl, Ill Stand by You di Virginija Vareikytė e Maximilien Dejoie, The Case di Nina Guseva, The Balcony Movie [+leggi anche:
recensione
intervista: Paweł Łoziński
scheda film
]
di Paweł Łoziński, premiato a Locarno, Never Coming Back di Mikołaj Lizut, Krai [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Aleksey Lapin, Looking for Horses [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Stefan Pavlović, Museum of the Revolution [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Srđan Keča
scheda film
]
di Srđan Keča, Reconciliation [+leggi anche:
recensione
scheda film
]
di Marija Zidar, René - The Prisoner of Freedom [+leggi anche:
intervista: Helena Třeštíková
scheda film
]
di Helena Třeštíková e Factory to the Workers [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Srdjan Kovačević
scheda film
]
di Srđan Kovačević. Sette i documentari fuori concorso: Babi Yar. Context [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Sergei Loznitsa
scheda film
]
di Sergej Loznica; Bosnia Express [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Massimo DOrzi; Gorbachev. Heaven [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Vitalij Manskij; il cortometraggio Freikörperkultur di Alba Zari; The Jungle di Cristian Natoli; Tullio Kezich – A proposito di me di Gioia Magrini; L'ultimo calore dacciaio di Francesco De Filippo e Diego Cenetiempo.

Confermato il Premio Corso Salani, che presenta cinque film italiani in attesa di distribuzione: Dal pianeta degli umani [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Giovanni Cioni
scheda film
]
di Giovanni Cioni, Des portes et des déserts di Loredana Bianconi, Divided: What Language Do You Express Love in? di Federico Schiavi e Christine Reinhold, Isole di Mario Brenta e Karine de Villers, Viaggio nel crepuscolo [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Augusto Contento, cui si aggiunge fuori concorso Insultati. Bielorussia di Caterina Shulha.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy